Conto Energia Termica Rinnovabili

conto termicoIndipendentemente dalla crisi di Governo, entro Natale è prevista la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Conto Energia Termica Rinnovabili.
Il 6 Dicembre scorso la Conferenza Unificata Stato Regioni, che comprende tutte le Regioni italiane, le Province autonome e i Ministeri di Sviluppo Economico, Agricoltura e Ambiente, è infatti finalmente giunta a una stesura definitiva, dopo un anno e mezzo di approfondimenti, confronti e valutazioni.

Il decreto stanzia 900 milioni di euro, 700 destinati a privati e imprese, 200 alle amministrazioni pubbliche (finora escluse da questo tipo provvedimenti e detrazioni), per incentivare piccoli interventi di incremento dell’efficienza energetica e produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Gli interventi sono divisi in due categorie, regolate in maniera differente.
Godono degli incentivi sulle rinnovabili termiche, come la sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti con impianti alimentati da fonti rinnovabili, sia i privati (persone fisiche, condomini, imprese) che le amministrazioni pubbliche. Quest’ultime potranno inoltre usufruire degli incentivi sugli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica (isolamento, sostituzione di infissi, installazione di schermature solari, etc.), dal momento che in questo ambito i privati possono già fare affidamento sulla detrazione fiscale del 55%, prorogata fino al 30 giugno 2013 ma destinata a divenire misura stabile.

L’incentivo coprirà il 40% dell’investimento, con tetti massimi che variano a seconda del tipo di intervento e della potenza dell’impianto.
L’ulteriore condizione molto positiva è che verrà erogato tra i 2 e i 5 anni, permettendo a chi ne ha diritto di beneficiarne in tempi brevi.

Sono ammessi al Conto Termico impianti con una potenza massima di 500 kW, incrementabile a 1 MWt in determinate condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *