Vetri a controllo solare, basso emissivi e selettivi

 

vetri basso emissivi

Gli edifici che utilizzano più energia del necessario per gli impianti di climatizzazione sono una delle principali fonti di emissione di CO2, responsabile tra le altre cose del riscaldamento del pianeta.
Per diminuire il nostro impatto ambientale, avere vantaggi a livello di comfort ed efficienza energetica, risparmiare denaro, possiamo installare a casa, sul luogo di lavoro, in azienda, vetri speciali scegliendo quelli più adatti alla nostra area climatica.
Sono generalmente vetri rivestiti (o coatizzati) sui quali vengono depositati sottili strati di ossidi metallici che ne modificano il comportamento rispetto agli irraggiamenti solari, garantendo maggiore isolamento.

Con il vetro a controllo solare la luce solare penetra all’interno, mentre gran parte del calore viene riflesso.
Gli spazi interni sono così molto più freschi rispetto a quelli che invece hanno finestre o facciate di vetro normale.
In questo modo l’impiego e l’intensità dell’aria condizionata possono essere ridotti, e in alcuni casi se ne elimina addirittura il bisogno.
Secondo Glass for Europe, un maggiore utilizzo di vetri a controllo solare nell’edilizia dei paesi dell’Unione Europea potrebbe evitare la produzione di una quantità di CO2 compresa fra 15 e 85 milioni di tonnellate annue da qui al 2020.

Per i climi più freddi e con minore irradiazione solare, il vetro basso emissivo è invece la scelta migliore, poiché lascia entrare le radiazioni termiche solari provenienti dall’esterno dell’edificio, e allo stesso tempo impedisce la fuoriuscita del calore generato al suo interno.

Esistono infine vetri selettivi che combinano le caratteristiche di entrambi: d’inverno svolgono la funzione di isolamento termico non consentendo fughe di calore verso l’esterno, e d’estate riflettono e riducono gli apporti solari evitando il surriscaldamento di uffici e abitazioni.
Come anche gli altri vetri coatizzati, non schermano la luce e mantengono la naturale luminosità degli ambienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *